Torna alla Home Page    
       
     
 
Corsivi
   
 
  Ancora cemento nei programmi dell? Amministrazione Concina
 
Condividi su Facebook
di Carlo Perali

Il mercato immobiliare ? fermo insieme a quello del turismo ma il cemento continua ugualmente a dilagare autorizzato da una legge regionale Umbra: la Regione che, senza il minimo pudore, continua a definirsi il cuore verde dell?Italia .

Non bastavano le undici varianti e la lottizzazione di San Giorgio che ecco presentarsi un nuovo villaggio turistico alla Rocca .Una colata di ventitremila metri cubi di cemento da riversare in un angolo di terra ritenuto da tutti uno straordinario dono di Dio e della natura che contribuisce a incrementare l?immagine d? Orvieto, anche se adesso, questo progetto, sembra inaspettatamente ridimensionarsi in una struttura pi? modesta , probabilmente per non rischiare di mandare tutto all?aria o per presentarlo in due progetti separati .

Inoltre va considerato  che l?approvazione di questo mega insediamento aprir? la strada ad altre concessioni e traumi edilizi  che metteranno per sempre la parola fine a questo nostro depredato territorio  

Il ventinove marzo poi scade il termine ultimo per le osservazioni alla variante urbanistica che autorizza l?intervento per cui l?Amministrazione dovr? scegliere se optare per un operazione che cambier?  profondamente gli orientamenti e la fisionomia di questo territorio o scegliere invece una politica basata sul rispetto e la conservazione dell?ambiente , ma sar? anche il banco di prova del distretto perch?, in base a questa decisione, anche l?Amministrazione  sar? costretta, per coerenza , a rivedere quanto ha gi? approvato in Consiglio Comunale .

Infatti il distretto rappresenta la coscienza della nostra identit? territoriale, che va difesa tutelando il territorio stesso, salvaguardandolo dalle speculazioni e garantendo l?incolumit?  di certi luoghi

 

Inoltre va capito che la conservazione e il rispetto dell?ambiente non sono un freno allo sviluppo ma bens? elementi importanti di una diversa concezione del  progresso, capace per? di incrementare nuove forme di interesse con nuove fette di mercato, oggi peraltro riconosciute e segnalate anche dal Touring.

 Ecco allora che questo territorio utilizzando la particolarit?  del paesaggio pu? offrire una valorizzazione del turismo con una nuova economia  e soluzioni turistiche alternative come ad esempio: l?escursionismo , lo sport , l?enogastronomia , le terme , e moltissime altre opportunit? culturali date proprio dalle sue tantissime risorse quali : ville ,castelli ,borghi ,siti archeologici ecct .

 La favola che lo sviluppo si incrementa cementificando il territorio resta solo una chiacchiera per legittimare le speculazioni e fare accordi sotto banco . Una classe dirigente che ha improntato la propria campagna elettorale al rinnovamento e al metodo deve anche avere una linea politica di discontinuit? con il passato e quindi il coraggio di frenare quelle colate  di cemento che le precedenti amministrazioni non hanno mai voluto ne potuto mai frenare

Se la politica fino ad oggi ha permesso qualsiasi abuso e non si ? dimostrata all?altezza della situazione non ? perch? il calcestruzzo ?   di destra o di sinistra ma perch? ? il risultato di politiche sbagliate in quanto non ha mai considerato il territorio n? come un eredit? da preservare n? come patrimonio da valorizzare

Quindi se l?Amministrazione non intende dare ragionevolezza alla politica e offrirci una interpretazione di quel rinnovamento tanto sbandierato poi non si lamenter?  se la popolazione l?accusa di non vedere alcuno slancio progettuale con alcuna visione del futuro , anche perch? quello che ? lecito per l?imprenditore non ? giustificabile per l?amministratore .

E noi umili mortali , esclusi dai luoghi del potere , ma con il diritto al voto , ci ricorderemo di chi autorizza quest?ultima ferita .



Link sponsorizzati

I giornali delle città slow

Notizie ed Eventi su Positano, Costiera Amalfitana e dintorni

Centro Studi Orvieto

Sito ufficiale della Fondazione Centro Studi città di Orvieto

29/03/2012



Commenta il corsivo