Torna alla Home Page    
       
     
 
Corsivi
   
 
  Ci  vorrebbe  uno  Zeman  anche  in  politica
 
Condividi su Facebook
di Mario Tiberi

Anche per chi non ha mai avuto granch? di dimestichezza con lo sport del calcio, il nome di Zdenek Zeman evoca comunque un qualcosa di familiare, ma pi? ancora di atipico, di irregolare, di fuori dell?ordinario, di raro per non dire di unico.

Sollev?, al di l? dei meriti o demeriti sportivi, una ?questione morale? sull?abuso di farmaci vietati che sconvolse il mondo del ?pallone italico? sul finire degli anni novanta del secolo scorso.

Per la sua luminosit?, ? una storia tutta da raccontare quella di Zeman. In un?epoca in cui, fin da fanciulli, si insegna che ? meglio e preferibile diventare famosi e potenti piuttosto che onesti, l?allenatore boemo rappresenta un esempio di specchiata onest? a fronte di raccomandate e arrivistiche affermazioni personali.

Ha sempre creduto nelle sue idee, ha affrontato avversari sul campo da gioco e fuori di esso, e quelli che ha affrontato fuori si sono rivelati certamente pi? pericolosi e insidiosi di quelli in campo. Gli hanno teso trappole e trabocchetti dappertutto pur di vederlo cedere e cadere; hanno tentato in tutti i modi di farlo passare per un folle visionario, per un illuso, per uno scomodo ?rompiscatole? e un insopportabile ?piantagrane?; lo hanno persino deriso e sbeffeggiato, tacciandolo di fallito, perch? non era riuscito a vincere nulla di importante e perch? era stato escluso dal giro delle squadre ricche, quelle che contano.

Lui, per?, incurante delle critiche astiose e coriaceo nelle sue convinzioni, ha continuato risoluto e imperterrito a percorrere la sua strada provando a coniugare coraggio, volitivit?, fermezza con i veri valori dello sport.

Adesso, a sessantacinque anni, si gode il suo calcio dall?alto del primo posto in classifica: non solo lui, ma anche tutti i suoi tifosi che, badate bene, non sono soltanto quelli del Pescara, essendo sparsi un po?su tutta la Penisola.

Il calcio pulito, quello plasmato di sudore e passione, transita per questo (non uso codesto) signore che ha saputo trasformare il suo cognome in uno stile di vita: zemaniano ? ormai divenuto un modo di essere che si contrappone ai giochetti di corridoio, agli imbrogli e a chi ancora crede che sempre e comunque il fine giustifichi qualsiasi mezzo, pure il pi? ignobile e vergognoso; zemanlandia ? un paese dei balocchi dove la vita vale pi? del denaro e del potere.

Che ne pensate?. Non Vi sembra che uno Zeman ci vorrebbe in molteplici altri settori quali le televisioni, le banche, le assicurazioni, i commerci, le authority, i giornali?.

Che dire, poi, della politica?. Qui di Zeman non uno, ma decine o centinaia ce ne vorrebbero!.

Senza ritornare a dissertare su malversazioni diffuse, su concussioni quotidiane, su corruzioni dilaganti, gi? da me ampiamente illustrate negli scorsi mesi, ? ora pi? opportuno soffermarsi con non celata amara ironia su un ?modo di dire? che sta prepotentemente entrando nel lessico e nel gergo corrente: ?A mia insaputa?.

Lo abbiamo sentito pronunciare dall?ex Ministro Claudio Scajola a proposito di un appartamento con vista sul Colosseo; anche Massimo D?Alema lo ha usato riferendosi ad una crociera nelle acque del Mediterraneo pagata da chiss? chi; proprio in questi giorni ? riecheggiato sulla bocca del Presidente della Regione Molise, Michele Iorio, a riguardo di una commessa pubblica affidata ad una Societ? della quale ? amministratore suo figlio primogenito.

La nostra povera e mal ridotta Italia esiste, se ancora esiste, ?a sua insaputa?. Sic!.

Mentre stavo scrivendo ci? che state leggendo, mi hanno suonato alla porta e sono andato ad aprire. Era una mia carissima amica la quale, vedendo la scrivania piena zeppa di fogli scritti, mi ha chiesto se poteva sbirciare tra quei fogli. Dopo aver letto il presente documento, con un velato sorriso tra il compiacente e il dubbioso ha domandato, riallacciandosi alla figura di Zeman, se per caso avessi o non avessi avuto l?ardire di tracciarmi un autoritratto dipinto con l?inchiostro della mia penna.

Tranquilli: non ho mai allenato una squadra di calcio!.



Link sponsorizzati

I giornali delle città slow

Notizie ed Eventi su Positano, Costiera Amalfitana e dintorni

Centro Studi Orvieto

Sito ufficiale della Fondazione Centro Studi città di Orvieto

18/03/2012



Commenta il corsivo